Prima giornata L'AQUILA Anno1. SPAZI APERTI per un'agenda aquilana

pubblicato il 12/03/10 in anno1, L'Aquila da
redazione

un commento
Domenica 21 ore 10.30 tensostruttura di Piazza Duomo

Partecipa alla giornata di proposte per la ricostruzione, dai il tuo apporto. E' importante!

==>Scarica il programma

==>Perchè uno spazio aperto all'Aquila




torna su

Un commento finora

  • inviato il 17/03/10 da
    calalina

    Per entrare nell'ottica degli "Sapzi Aperti", ecco un piccolo spunto di riflessione... "Per illustrare la differenza tra un approccio alla partecipazione che mira a trovare soluzioni a problemi e un approccio che, invece, punta prima di tutto a ristabilire il dialogo nella prospettiva di conciliare le esigenze, si propone spesso il seguente esempio: «Due sorelle litigano per l’unica arancia rimasta in dispensa: l’una sostiene di essere stata la prima a prenderla, e l’altra argomenta che, essendo la più grande, spetta a lei decidere chi può avere l’arancia. La madre, nel tentativo di trovare una soluzione e porre fine alla lite, propone di tagliare l’arancia in due parti uguali e di darne una metà a ciascuna di loro. Per qualche istante il problema pare risolto ma poi, di nuovo, la discussione ricomincia perché entrambe voglio tutta l’arancia. A questo punto, interviene la nonna che, prima di proporre qualcosa, chiede a ognuna delle nipoti perché vogliono l’arancia. La più piccola risponde di volerne fare una spremuta; l’altra di volerne utilizzare la scorza per fare una torta. La nonna, allora, prende l’arancia e dopo averla spremuta per dare il succo alla prima, recupera la scorza e la dà alla seconda». Se la soluzione imparziale proposta dalla madre lascia insoddisfatte le due sorelle, l’intervento della nonna, invece, è efficace perché ristabilendo il dialogo fra le due, fa in modo che entrambe possano ottenere ciò per cui volevano l’arancia (il succo e la scorza), pur non avendo avuto ciò per cui discutevano, ossia tutta l’arancia".

Lascia un commento


  i campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori